next GATE

Green Pass e regole per viaggiare

1 Settembre 2021

In base al decreto legge n. 111 del 6 agosto 2021, dal 1° settembre al 31 dicembre 2021 l’accesso agli aeromobili sarà consentito solo ai passeggeri dotati di GREEN PASS (“certificazione verde Covid 19”).

 Il Certificato verde digitale Covid-19 (Green Pass) è inoltre necessario per imbarcarsi su:

navi e traghetti per il trasporto interregionale (esclusi i collegamenti nello Stretto di Messina);

treni di tipo Intercity e Alta Velocità;

autobus per il trasporto interregionale;

autobus per servizi di noleggio con conducente.

Il Green Pass, per il suo uso  sul territorio nazionale, deve attestare di aver fatto almeno una dose di vaccino oppure essere risultati negativi a un tampone molecolare o antigenico nelle 48 ore precedenti oppure di essere guariti da COVID-19 nei sei mesi precedenti. 

Si ricorda che un certificato che attesti la somministrazione della prima dose di vaccino a due dosi (seconda dose in attesa di somministrazione) non è invece sufficiente ai fini dell’ingresso in Italia dall’estero. Per maggiori informazioni sui requisiti di ingresso dall’estero, cliccare qui.

In merito alle certificazioni rilasciate da Stati non UE si precisa che in relazione alle certificazioni vaccinali emesse dalle Autorità sanitarie dei suddetti Paesi, essi dovranno riportare almeno i seguenti dati:

  1. Identificativi della persona
  2. Relativi al tipo di vaccino e alla/e data/e di somministrazione

Si ricorda che i certificati saranno accettati se in lingua italiana, inglese, francese o spagnola.

Per tutti gli ingressi dall’estero è obbligo di legge anche il completamento del Digital Locator Passenger Form da parte del passeggero.

(Fonte: Ministero della Salute e Ministero degli Esteri)

È inoltre necessario il Green Pass per accedere a qualsiasi tipo di servizio di ristorazione al tavolo al chiuso, spettacoli, eventi e competizioni sportive, musei, istituti e luoghi di cultura, piscine, palestre, centri benessere, fiere, sagre, convegni e congressi, centri termali, parchi tematici e di divertimento, centri culturali e ricreativi, sale da gioco e casinò, concorsi pubblici.

Per maggiori informazioni sul green pass: https://www.dgc.gov.it/web/

Dal 1 luglio la Certificazione verde COVID-19 è inoltre valida come EU digital COVID certificate e rende più semplice viaggiare da e per tutti i Paesi dell’Unione europea e dell’area Schengen.

Fino al 31 dicembre 2021 permane l’obbligo del tampone rapido per i passeggeri in arrivo in Sicilia da USA, Malta, Spagna, Grecia, Portogallo, Francia, Paesi Bassi, USA.

L’ingresso in Italia è ora consentito, senza quarantena, anche alle persone che hanno soggiornato o transitato, nei 14 giorni antecedenti, in uno o più Stati o territori appartenenti all’elenco D dell’Allegato 20 al Dpcm 2 marzo 2021 ma solo se sussistono contemporaneamente tutte queste condizioni:

  • presentazione del green pass che attesti l’avvenuta vaccinazione del soggetto al vettore all’atto dell’imbarco
  • presentazione al vettore all’atto dell’imbarco e a chiunque è deputato a effettuare i controlli, della certificazione di essersi sottoposto, nelle 72 ore antecedenti all’ingresso nel territorio nazionale, a un test molecolare o antigenico, effettuato per mezzo di tampone e risultato negativo. Il termine è ridotto a 48 ore per gli ingressi dal Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del nord (compresi Gibilterra, Isola di Man, Isole del Canale e basi britanniche nell’isola di Cipro ed esclusi i territori non appartenenti al continente europeo)
  • presentazione al vettore al momento dell’imbarco e a chiunque è deputato ad effettuare controlli del Passenger Locator Form 

Potrebbe interessarti anche

Destinazioni
Scopri dove possiamo arrivare